Zael di Elisabetta Zanin | Why
96
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-96,mkd-core-1.0.3,ajax_leftright,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-1.5.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive

Tutto comincia con la passione per i viaggi. L’Oriente, la Cina di tempi non lontani, resi remoti dalla velocità dei nostri giorni. I primi viaggi di Elisabetta la portano alla ricerca di tesori trascurati nella Cina post-maoista, tra fiumi di biciclette e divise grigioverde. Più di 3000 chilometri di Tibet attraversati in situazioni quasi estreme. Momenti difficili, a 5000 metri di altitudine, a chiedersi il perché di tutto ciò.

L’impressione che Elisabetta ne ricava, condizionerà le sue scelte successive, portandola a concepire un progetto che consentisse una fusione di queste atmosfere, con le esigenze del design più attuale, il tutto grazie alla magia del made in Italy. Così, ogni oggetto d’arredo firmato ZAEL, contiene al suo interno questi elementi: tesori orientali intuizioni di design e l’inarrivabile qualità di una creazione tutta italiana.